La Casa del Mutilato

In città o fuori città

Molti catanesi non sono a conoscenza dell’esistenza di un monumento che ha lasciato segni precisi nella storia della città: La Casa del Mutilato.

Spesso, quando si parla di esplorare nuovi luoghi, la scelta cade verso mete lontane dalla nostra città di appartenenza.

Raramente, scegliamo di fare un giro turistico in città, eppure Catania offre tanta storia, arte e cultura.

Progetto e Inaugurazione

Il progetto dell’ingegnere Ercole Fischetti risale al 1933, ma fu realizzato dal 1937 al 1939, quando, il principe di Piemonte Umberto di Savoia la inaugurò.

Il palazzo non è molto grande, ma nonostante tutto, presenta un aspetto monumentale.

Foto di Jessica Hauf

Ingresso

La saletta d’ingresso dal portone principale

Accesso Principale

L’ingresso al salone

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Salone

Dal portone centrale si accede al salone, pavimentato in marmo, una volta dentro è possibile osservare fino al quarto piano il lucernario che lo illumina.

Di forma rettangolare, al piano terra, su entrambi i lati più corti, due porte segnano il passaggio alle stanze adiacenti che offrono l’uscita su Piazza Bellini attraverso due ingressi minori.

Ogni piano si affaccia sul salone attraverso balconi e finestre.

L’Arengario

Ma ciò che lo contraddistingue, è l’arengario esteso per tutti e quattro i lati del rettangolo.

Arengario

L’arengario all’interno del Palazzo

Opere d’Arte

La Casa del Mutilato presenta opere artistiche che la caratterizzano.

All’esterno, sei statue rappresentano guerre dell’ottocento e del novecento realizzate dagli scultori Juvara, Giordano e D’Angelo.

Statue

Le statue raffiguranti le guerre di fine ottocento e inizio novecento

Al suo interno, due grandi disegni del pittore Roberto Rimini raffigurano i fanti che si avviano verso il fronte, e l’avanzata italiana dopo Caporetto.

Disegno di Roberto Rimini

Roberto Rimini – L’avanzata italiana dopo Caporetto

Disegno di Roberto Rimini

Roberto Rimini – I fanti si avviano al fronte

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Cappella

All’interno della casa del mutilato si trova anche una piccola cappella.

la cappella

La cappella all’interno della casa

 

Il palazzo, espone chiaramente il forte carattere risalente al periodo vissuto, ma proprio per questo come ogni monumento che racconta la storia, ha il suo fascino.

Le stanze grandi e numerose, i vari accessi, la sua posizione, e il grande salone fanno della casa del mutilato, una struttura con un grande potenziale.

Purtroppo, abbandonato per anni ha rischiato di rovinarsi quasi fino al totale decadimento.

Adesso grazie alla scelta della Regione Siciliana che vuole destinarlo a spazio culturale, vedrà sicuramente la rinascita che un monumento merita.

Foto di Jessica Hauf 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *